Stampa

La guida gioco di Viterbo pensata per i bambini, perfetta per gli adulti

Postato in Scoprire la città

11700847 10207055871186047 4070404794879688209 o

Per chi non la conoscesse ancora, vogliamo presentarvi qui la nuova guida turistica di Viterbo pensata per i bambini 6-1 2anni per portare a spasso..mamma e papà!!! Si chiama “Alla conquista del leone d’oro”. La guida è un’iniziativa di Gruppo Cicala, associazione Ecococcole e casa editrice Sette Città, tre realtà viterbesi che sognano una città a misura di bambino. Definita “un gioiello” da Antonello Ricci che ne ha curato la prefazione, questa pubblicazione scritta da 3 francofone (Sophie Savoie, Elise Desserne e Anne Depasse) è nello stesso tempo istruttiva e divertente.

I giovani lettori potranno diventare avventurieri dei tempi moderni seguendone 4 itinerari gioco attraverso il centro storico di Viterbo oppure leggerla con calma comodamente seduti sul divano di casa insieme ai genitori, ai nonni, agli zii, alla baby sitter scoprendo le leggende, i miti e la storia della città di Viterbo. Ricca di contenuti grazie all’inesauribile lavoro di Sophie Savoie, di numerose illustrazioni ad opera di Elise Desserne, di disegni dei ragazzi vincitori del concorso “Alla conquista del leone d’oro” promosso nelle scuole viterbese nell’a.s. 2014-2015, di giochi e di quiz questa guida è sicuramente uno strumento molto utile anche per insegnanti e scuole. Una pubblicazione molto utile anche per i piccoli turisti che vogliono conoscere la nostra città!
"Alla conquista del leone d'oro" è acquistabile a Viterbo nei seguenti punti vendita:
Libreria Fernandez, Via Mazzini 87
Libreria Straffi, Via Saffi
Ufficio Turistico, Pensilina, Sacrario (Piazza Martiri d'Ungheria)
Libreria Etruria, Via Antonio Pacinotti
Bookshop Viterbo Sotterranea, Piazza della Morte
Bookshop Piazza San Lorenzo
The British Institute of Rome, sede autorizzata di Viterbo, piazza della Rocca e presto presso varie edicole cittadine.
Buona scoperta!!!

“Non aveva torto chi scrisse che il mondo sarà salvato dai ragazzini. Purché non vogliano crescer troppo, aggiungo io” (dalla prefazione di Antonello Ricci).