Stampa

Contributi mensili a favore di mamme lavoratrici per baby sitter e asilo nido

Postato in Asili nido


Come avevamo preannunciato attraverso l’articolo dedicato alle strutture, in Italia è stata introdotta in via sperimentale per gli anni 2013-2015 la possibilità per le lavoratrici di richiedere all’INPS un contributo economico utilizzabile alternativamente per il servizio di baby-sitting e per asili nido o strutture per l’infanzia.
Il contributo può essere richiesto in alternativa al congedo parentale.
Le domande possono essere presentate dalle ore 12 del 2 luglio all'11 luglio 2013 direttamente dalle lavoratrici interessate attraverso il portale INPS oppure attraverso un CAF convenzionato.
Possono richiedere in particolare il contributo: -le madri (anche adottive o affidatarie!) lavoratrici (dipendenti o iscritte alla gestione separata) che siano ancora negli undici mesi successivi al termine del periodo di congedo di maternità obbligatorio; -le lavoratrici (dipendenti o iscritte alla gestione separata) beneficiarie del diritto al congedo di maternità obbligatorio per le quali la data presunta del parto sia fissata entro il 10 novembre 2013;- le lavoratrici che abbiano già usufruito in parte del congedo parentale (in questo caso, il contributo potrà essere richiesto per un numero di mesi pari ai mesi di congedo parentale non ancora usufruiti).
Il contributo è pari a 300,00 euro mensili, che saranno erogati per un periodo massimo di sei mesi, in alternativa all’utilizzo del congedo parentale. Le lavoratrici part-time potranno accedere al contributo in misura riproporzionata a seconda della loro tipologia, mentre le lavoratrici iscritte alla gestione separata potranno usufruirne per un periodo massimo di tre mesi.
Ulteriori informazioni sono disponibili sul bando che potete scaricare qui o recandovi presso la sede INPS (a Viterbo in Via Matteotti 29- Tel. Centralino: 07613101).